Longevità e capacità di resilienza delle imprese familiari nella provincia di Salerno fra XX e XXI secolo = Longevity and resilience of family firms in the province of Salerno between the 20th and 21st century

Stefania Manfrellotti

Resumen


La provincia di Salerno ha rappresentato, nella seconda metà del Novecento, una delle realtà più rilevanti del Mezzogiorno d’Italia sotto il profilo industriale. Nel secondo dopoguerra l’industria nell’area salernitana visse un’intensa crescita, soprattutto grazie agli aiuti per il Mezzogiorno. Rispetto alle altre aree del Sud Italia, non vi furono grandissimi stabilimenti siderurgici, metalmeccanici e petrolchimici ma vi fu un movimento vivace di piccole e medie industrie soprattutto nel settore manifatturiero. Tra gli anni Settanta e Ottanta le crisi nazionali e internazionali segnarono il passo dell’economia italiana e più in generale di tutte le economie occidentali. Nella provincia di Salerno le fabbriche statali, quelle appartenenti a multinazionali estere o alle grandi imprese del settentrione furono le più colpite dalla crisi. Al contrario molte aziende locali riuscirono, sebbene con momenti di incertezza, ad avere un ciclo di sviluppo ininterrotto. Si tratta principalmente di imprese familiari, create e gestite da imprenditori salernitani, espressione del territorio, della cultura, delle tradizioni, che hanno saputo trarre dal contesto locale le energie e spesso le risorse per puntare all’eccellenza. Ancora oggi, sebbene quarant’anni di legislazione speciale per il Mezzogiorno non siano bastati a mettere in moto uno sviluppo duraturo e soprattutto autonomo delle imprese meridionali, lo sviluppo industriale meridionale è legato alle piccole e medie attività imprenditoriali operanti soprattutto nel settore manifatturiero. Tra le diverse esperienze di capitalismo locale e familiare di quest’area del Mezzogiorno si è scelto di analizzare una delle realtà imprenditoriali più longeve della provincia salernitana: il sistema di imprese della famiglia Di Mauro di Cava de’Tirreni. Dalla fine dell’Ottocento, la famiglia ha saputo affermare, espandere e reinventare la propria attività nel campo della tipografia, dell’editoria, e della cartotecnica, passando indenne per le difficili congiunture del ’900, e giungendo a essere attualmente una realtà di punta nel tessuto imprenditoriale del Mezzogiorno.

In the second half of the twentieth century, the Salerno province represented one of the most important industrial reality of the southern Italy. After Second World War, the Salerno province industry lived an intense growth, mainly thanks to the aids for the southern Italy. There were not many steelworks, petrochemical and engineering mills, compared to other areas of the southern Italy, but there was a lively movement of small and medium industries, especially in manufacturing. Among the seventies and eighties the national and international crisis damaged the Italian economy and also other Western economies. In the Salerno province, the state enterprises, those belonging to the foreign multinationals or the great enterprises of the northern Italy, were the worst hit by the crisis. On the other hand, although with uncertainty, many local enterprises managed to have a continuous development. They were mainly family businesses, created and managed by the Salerno province entrepreneurs, expression of the territory, the culture, the traditions that have been able to take energy from the local context and the resources to aim at the excellence.

To this today, though forty years of special legislation for the southern Italy are not enough to launch a continuous development and in particular an independent development of the southern enterprises, the industrial development of southern Italy is linked to small and medium enterprises, especially in the manufacturing sector. Among the several experiences of local and family capitalism of the southern Italy, I have chosen to analyze one of the entrepreneurial reality more long-running of the Salerno province. It is the system of enterprises of the Di Mauro family from Cava de’Tirreni. Since the end of nineteenth century, the Di Mauro family was able to establish, expand and reinvent its business in the field of printing, publishing, and converting industry, passing unscathed to the difficult junctures of the twentieth century, and now coming to be very important in the business of the southern Italy.


Palabras clave


Capitalismo locale; Impresa familiare; Mezzogiorno; Salerno; Crisi economiche; Resilienza; Local capitalism; Family business; Southern Italy; Salerno; Economic crisis; Resilience

Texto completo:

PDF (Italiano)

Referencias


Balcet, G. (1997). L’economia italiana: evoluzione problemi e paradossi. Milano: Feltrinelli.

Balletta, F. (2009). Le piccole imprese nel Mezzogiorno d’Italia nella seconda metà del Novecento. In E. de Simone e V. Ferrandino (Eds.), L’impresa familiare nel Mezzogiorno continentale fra passato e presente. Un approccio interdisciplinare (pp. 61-96 ). Milano: FrancoAngeli.

Colli, A. (2006). Capitalismo famigliare. Bologna: Il Mulino.

de Majo, S. (2009). Impresa e industria a Salerno nel secondo Novecento. Rassegna Storica Salernitana, (51), 59-182.

de Majo, S. (2009). Un caso di capitalismo familiare nell’industria italiana della pasta: l’azienda Antonio Amato di Salerno 1958-2000. In F. Amatori e A. Colli (Eds.), Imprenditorialità e sviluppo economico. Il caso del capitalismo italiano (secc. XXII-XX), (pp. 461-485). Milano: Egea.

De Matteo, L. (2009). La dinamica dell’industria manifatturiera in Campania e nelle sue province nel Novecento. La provincia di Salerno. In A. Montaudo e R. Rossi (Eds.), Dal Novecento al Duemila. L’industria in provincia di Salerno. Confindustria Salerno (1919-2009), (pp. 13-49). Salerno: Plectica Editrice.

Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro (Eds.) (2001). I Cavalieri del Lavoro (1901-2001). In Storia dell’Ordine e della Federazione (Vol. II). Roma: Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro.

Gianni, E. (1969). Stampa, legatoria, cartotecnica: tecnologia ed impianti (Vol. I). Milano: Hoepli.

Giannola, A. (1998). Le imprese e lo sviluppo: problemi e prospettive del Mezzogiorno. Rassegna Economica, (1), 11-47.

Giordani, G. e Avagliano, M. (1998). Il Profeta della grande Salerno: cento anni di storia meridionale nei ricordi di Alfonso Menna. Cava dei Tirreni: Avagliano.

Istat (1955). III Censimento generale dell’industria e del commercio 5 novembre 1951, Vol. I, Risultati generali per comune, Tomo 2 - Italia centrale, meridionale e insulare. Roma: Tip. F. Failli.

Istat (1965). 4° Censimento generale dell’industria e del commercio, 16 ottobre 1961, Vol. II, Dati provinciali su alcune principali caratteristiche strutturali delle imprese e delle unità locali, Fasc. 61. Roma: Istat.

Magnani, M. (1993). La vera occasione mancata degli anni ’60. Rivista di Storia Economica, X(1), 49-64.

Manfrellotti, S. (2008). Debito pubblico in Italia fra ricostruzione e sviluppo Analisi della ripartizione regionale dei buoni del Tesoro poliennali (1945-1963). Milano: FrancoAngeli.

Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio. Direzione generale della statistica e del lavoro (Ufficio censimento) (1913). Censimento degli opifici e delle imprese industriali al 10 giugno 1911 (Vol. I). Roma: Tipografia nazionale G. Bertero.

Salpietro, M. (2008). L’imprenditore che trasformò la tipografia in arti grafiche. Corriere Economia, (luglio).

Santillo, M. (2009). L’industria della carta, del cartone e dell’editoria. In A. Montaudo e R. Rossi (Eds.), Dal Novecento al Duemila. L’industria in provincia di Salerno. Confindustria Salerno (1919-2009), (pp. 193-228). Salerno: Plectica Editrice.

Sciarelli, S. (1982). La crisi dell’industria regionale all’inizio degli anni ’80: la caduta degli investimenti in impianti e le cessazioni aziendali. In S. Sciarelli, V. Maggioni e P. Stampacchia (Eds.), L’industria in Campania all’inizio degli anni Ottanta (pp. 90-105). Napoli: Federazione regionale industriali della Campania.

Sciarelli, S. (1982). Sintesi dei risultati e conclusioni della ricerca. In S. Sciarelli, V. Maggioni e P. Stampacchia (Eds.), L’industria in Campania all’inizio degli anni Ottanta (pp. 10-17). Napoli: Federazione regionale industriali della Campania.




DOI: http://dx.doi.org/10.18002/pec.v0i18.1642

Enlaces refback

  • No hay ningún enlace refback.




Copyright (c) 2014 Stefania Manfrellotti

Licencia de Creative Commons
Este obra está bajo una licencia de Creative Commons Reconocimiento-NoComercial-CompartirIgual 4.0 Internacional.

Pecvnia
Revista de la Facultad de Ciencias Económicas y Empresariales, Universidad de León

Contacto: ulepec@unileon.es
Soporte técnico: journals@unileon.es

I.S.S.N. 1699-9495 (Ed. impresa)
e-I.S.S.N 2340-4272

Editada por el Área de Publicaciones de la Universidad de León